IMPLANTOLOGIA

Photo by Peter Kasprzyk on Unsplash

Per implantologia dentale si intende quell'insieme di tecniche chirurgiche atte a riabilitare un paziente affetto da edentulismo totale o parziale (mancanza di uno o più denti) mediante l'utilizzo di impianti dentali ovverosia dispositivi inseriti nell'osso mandibolare o mascellare, che permettono la connessione di protesi fisse o mobili, per la restituzione della funzione masticatoria. 

Donna con edentulismo totale
Donna con edentulismo totale

Tali impianti possono essere di diverse forme, inseriti in diverse sedi con tecniche differenti e poi connessi alle protesi con diverse tempistiche. Lo scopo degli impianti dentari è quindi quello di sostituire le radici dei denti naturali con viti in titanio che vengono inseriti nell’osso in maniera indolore sotto anestesia locale, e che possono andare a sostituire denti andati perduti per diversi motivi (carie, la malattia parodontale o in seguito a traumi oppure agenesie). E’ bene chiarire però che per permettere l’inserimento degli impianti è indispensabile il rispetto di alcuni fondamentali criteri:

  • la presenza di una certa quantità di osso (valutabile prima dell’intervento con esami radiografici)
  • la stabilità primaria degli impianti una volta inseriti
  • un buon supporto gengivale
  • la presenza di un buon bilanciamento occlusale (corretto piano occlusale masticatorio).

Gli impianti hanno una vita pressoché illimitata (gli studi più lunghi hanno 25 anni), se viene effettuata una corretta manutenzione: il rischio più grosso che corrono gli impianti è dato infatti dalla "peri-implantite", ossia un'infiammazione ed infezione delle strutture attorno all'impianto, che in alcuni casi può esitare in una non avvenuta osteointegrazione e successiva perdita dell’impianto. Per scongiurare questi possibili insuccessi implantari è necessario avere una buona igiene orale quotidiana ed effettuare visite di controllo periodiche.

Il dottor Alessio Gambino dopo attenta valutazione clinica e radiografica per ogni singolo caso candidato all’implantologia, si avvale della collaborazione di dottori esperti in chirurgia orale e implantologia al fine di aumentare il successo delle tecniche chirurgiche e ovviare il rischio di fallimento. Per un buon mantenimento nel tempo dei risultati ottenuti, il dottor Alessio Gambino offre un monitoraggio costante per questa tipologia di pazienti attraverso richiami programmati (controllo, pulizia dei denti e/o radiografie endorali mirate), con particolare attenzione ai soggetti fumatori o affetti da malattie croniche come il diabete o l’osteoporosi, o che assumono alcuni farmaci (per esempio i bifosfonati) che  potrebbero compromettere sia l'osteointegrazione sia la durata degli impianti.

Lascia un commento