CHIRURGIA ORALE

Diverse condizioni possono richiedere un intervento di chirurgia orale:

Denti Impattati

I denti di giudizio, altrimenti noti come terzo molare, sono l’ultima serie di denti che si sviluppa. A volte questi denti emergono quando la mascella è abbastanza grande da lasciare loro spazio, ma per la maggior parte delle volte, non è questo il caso. Più spesso, uno o più di questi terzi molari non riesce ad crescere correttamente allineato o non riesce a emergere affatto dalla linea delle gengive e rimane intrappolato o “impattato” tra la mascella e il tessuto gengivale.

Un dente del giudizio impattato può provocare danni permanenti ai denti vicini. Designed by Freepik

I denti del giudizio impattati possono provocare gonfiori, dolori e infezioni del tessuto gengivale che li circonda. Inoltre, i denti del giudizio impattati possono causare danni permanenti a denti, gengive ed ossa vicini e talvolta possono portare alla formazione di cisti o tumori che possono distruggere le sezioni della mascella. Pertanto, il dentista raccomanda alle persone con denti del giudizio impattati di rimuoverli chirurgicamente.
Non sono solo i denti del giudizio che a volte devono essere rimossi. Altri denti, come i cuspidi e i bicuspidi (canini e premolari) possono diventare impattati e causare gli stessi tipi di problemi descritti per i denti del giudizio.

Perdita di denti

Gli impianti dentali sono un’opzione per la perdita di denti a causa di un incidente o di infezione o in alternativa ai ponti e alle dentiere. Gli impianti sono sostituti di radice dei denti, fissati chirurgicamente nella mascella e agiscono per stabilizzare i denti artificiali a cui sono attaccati. I candidati appropriati per gli impianti dentali devono disporre di un adeguato livello e di densità ossei, non devono essere inclini all’infezione e devono essere disposti a mantenere buone pratiche di igiene orale.

Problemi relativi alla mascella

  • Crescita mascellare ineguale.

    In alcune persone, mascella e mandibola non riescono a crescere correttamente. Questo può causare difficoltà a parlare, mangiare, deglutire e respirare. Mentre alcuni di questi problemi – come l’allineamento dei denti improprio – possono essere corretti con gli apparecchi e con altri dispositivi ortodontici, i problemi più gravi richiedono una chirurgia orale per spostare tutta o parte della mascella superiore, della mascella inferiore o di entrambi, in una nuova posizione che è più equilibrata, funzionale e sana.

  • Migliorare la vestibilità delle dentiere.

    Per chi utilizza le protesi per la prima volta, può essere eseguita una chirurgia orale per correggere eventuali irregolarità della mascella e/o mandibola prima di creare le protezioni per garantire una migliore vestibilità. La chirurgia orale può anche aiutare chi usa protesi a lunga durata. L’osso di sostegno spesso si deteriora nel tempo, con conseguente protesi dentarie che non si adattano più correttamente. Nei casi più gravi, un chirurgo orale può aggiungere un innesto osseo alle aree in cui rimane poco osso.

  • Disturbi all’articolazione temporo-mandibolare (ATM).

    La disfunzione dell’ ATM, il piccolo giunto davanti all’orecchio in cui il cranio e la mandibola si incontrano, è una comune fonte di mal di testa e dolore al viso. La maggior parte dei pazienti con disturbi del ATM può essere trattata con successo con una combinazione di farmaci orali, terapia fisica e stecche. Tuttavia, la chirurgia articolare è un’opzione per i casi avanzati e quando la diagnosi indica un problema specifico nell’articolazione.

Lascia un commento